Come fare una pokè bowl in 10 minuti

di Mirco Di Marcello

Cari mariti nel panico, oggi vi propongo un piatto unico fresco e leggero che proviene dalle Hawaii. Vedremo insieme come fare una pokè bowl (o poke bowl).

Cos’è una pokè bowl?

Il pokè è un piatto tipico hawaiano, appunto, che si compone di pesce crudo, verdure, frutta, volendo cereali, condito con salse o altri ingredienti.

Bowl invece è la “ciotola” nel quale il pokè viene servito.

Si pronuncia “Pò-Keh” è significa letteralmente “tagliato a cubetti“. Gli ingredienti, infatti, sono tagliati a cubetti e disposti geometricamente nella ciotola.

Sicuramente vi sarà capitato di vedere foto sui social. Infatti, oltre ad essere un piatto molto buono e salutare, la pokè bowl è anche un piatto in cui dare sfogo l’artista che è in noi.

Abbinamenti cromatici, tagli geometrici, sapori esotici: questo piatto è ormai diventato una moda, tanto che anche i ristoranti di sushi tradizionale lo stanno mettendo in carta.

Fondamentalmente la pokè bowl è un’insalatona mista che, come da tradizione hawaiana, ha per protagonista il pesce crudo (tonno e salmone tra i classici) e il riso.

Naturalmente, come spesso succede, si sono diffuse tantissime varianti: con pesce cotto, con carne, pokè bowl vegetariana etc.

Gli amanti della cucina orientale stravedono per questo piatto che, oltre ad essere buono, è anche bellissimo a vedersi.

Preparare una pokè bowl è davvero semplice e veloce, e, in vista della bella stagione, potrebbe essere un ottimo piatto da consumare anche al mare. Io, onestamente, la porto anche in ufficio.

Quante calorie ha una Poké?

Una porzione media di una pokè bowl è di 300 grammi circa e contiene circa 450 kcal.

Trattandosi di un piatto a base di pesce fresco crudo, l’apporto energetico è relativamente basso. Naturalmente la versione con riso ha un carico di calorie superiore.

Fattore da non trascurare è che la pokè bowl, in genere, è un piatto senza glutine e senza lattosio.

Come si prepara la Pokè Bowl

Fondamentale, per la versione con pesce crudo, è l’abbattimento del pesce per evitare problemi (anche gravi) di salute.

Gli ingredienti, come dicevamo prima, variano in base ai gusti. Di base, oltre al pesce crudo, solitamente viene abbinata verdura e frutta. Tra gli ingredienti base abbiamo:

  • pesce crudo abbattuto
  • avocado
  • mango o ananas
  • cetriolo
  • carote
  • salsa sriracha (salsa piccante a base di peperoncini)
  • salsa teriyaki (salsa a base di soia tipicamente usata nel sushi)
  • uova sode
  • uova di pesce
  • olio di sesamo
  • salsa di soia
  • Mix di alghe
  • edamame (fagioli di soia)
  • ravanelli

Come si mangia il poke

Solitamente, essendo presente riso e pesce crudo, questo piatto viene mangiato condito con una delle salse sopra elencate e con le classiche bacchette per sushi. Qualora non fossimo troppo avvezzi a mangiare con le bacchette, possiamo ricorrere alle nostre care posate.

La mia ricetta

Vi lascio infine la mia ricetta, fatta di ingredienti semplici, proprio per mostrarvi come è semplice prepararla.

Io ho utilizzato ciò che avevo in casa, ma effettivamente potevo aggiungere altri elementi che avevo a cui non ho pensato, ad esempio il cetriolo e le fave fresche! Vada per la prossima!

Anche per il riso ho utilizzato del semplice vialone nano visto che avevo finito il riso basmati.

Questa è la mia versione veloce, tu dai libero sfogo alla tua fantasia (e al tuo appetito!).

Se stai cercando una ciotola per pokè bowl, guarda queste offerte.

Guarda anche le altre ricette di insalate o ricette da portare in ufficio che ho preparato.

Usa i commenti per dirmi che ne pensi della ricetta e, se ti è piaciuta, non dimenticare di condividerla nei social. Non dimenticare di seguirmi anche su Instagram e Facebook

come preparare una poke bowl
poke bowl veloce
poke ciotola bianca
cosa c'è dentro alla pokè bowl
come fare una pokè bowl

Pokè bowl veloce

Mirco Di Marcello
Una ricetta veloce per preparare ina pokè bowl gustosa e colorata.
Preparazione 10 mins
Categoria Piatti unici
Cucina hawaiana
Porzioni 2 persone

Ingredienti
  

  • 180 g riso basmati in alternativa riso comune (io ho usato il vialone nano)
  • 200 g salmone fresco abbattuto o tonno
  • 1 avocado maturo
  • 1 mango maturo
  • 2 carote
  • 6 pomodorini
  • 1 limone
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • q.b. semi di sesamo

Come si prepara
 

  • Come prima cosa dobbiamo cuocere il riso basmati (o, se non lo abbiamo, il riso tradizionale). In un colino a maglie strette sciacquiamo più volte il riso sotto acqua corrente. Versiamo il riso in una casseruola e copriamolo di acqua. Chiudiamo con un coperchio e cuociamo a fiamma minima per 12/13 minuti senza alzare il copechio. Spagniamo il fornello e lasciamo riposare per 5 minuti. A questo punto, se vogliamo il riso come quello del sushi possiamo aggiungere l'aceto di riso, altrimenti condiamo semplicemente con un po' di sale e, se vogliamo, un filo d'olio.
  • Tagliamo nel frattempo a cubetti gli altri ingredienti. L'avocado potete tagliarlo a fette e aprirlo a ventaglio. Le carote potete tagliarle a filetti.
  • Passiamo ora alla marinatura del pesce crudo che, ricordo, deve essere asolutamente prima abbattuto. Vi suggerisco di marinare il pesce poco prima di servire la pokè, questo per evitare l'effetto "cottura" della marinata. Tagliate il salmone a cubetti, conditelo in una ciotola con il succo di limone (o, se preferite, di lime) e un filo d'olio. Aggiungete anche i semi di sesamo e mescolate.
  • Passiamo ora ad assemblare la nostra pokè: mettiamo alla base il riso e man mano aggiungiamo in maniera ordinata tutti gli altri ingredienti dando sfogo alla vostra fantasia. Condiamo con salse a piacere e serviamo.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Valuta la ricetta